Seguici su Facebook

Prodotti : attrezzatura per cucina : Weck Vasetti Weck per cottura sottovuoto

Vasetti Weck per cottura sottovuoto
Permettono, infatti, vari tipi di cottura: bagnomaria, bagnomaria in olio, a vapore, forno a vapore e microonde.

Vasetto fornito di guarnizione e ganci per sottovuoto. Una linea completa di vasetti in vetro trasparente per la conservazione, non assorbono gli odori, conservano in modo ottimale gli alimenti e le loro caratteristiche organolettiche, utilizzabili nel microonde e nel forno tradizionale facendo attenzione agli shock termici, semplice apertura senza l'aiuto di alcun utensile.
Lavabile in lavastoviglie

Una linea completa di vasetti in vetro trasparente per la conservazione che permette di procedere anche direttamente alla cottura sottovuoto.
Un'idea originale nel processo di cottura che consente di ridurre i tempi e avere sempre a disposizione preparazioni già pronte, anche per il servizio al tavolo.

Fondato da Johann Weck a fine ottocento, WECK è il marchio tedesco leader nel mondo della conservazione alimentare.
Forma e volume intatti grazie alla possibilità di generare il sottovuoto direttamente nel vaso, gli alimenti non perdono il loro volume e si evita il
processo di "schiacciamento" delle forme.
Piatti più saporiti e gusto perfetto; la preparazione cuoce nel suo liquido mantenendo inalterati gli aromi che, grazie al sottovuoto, non si disperdono e penetrano in esso.
Meno utensili in cucina grazie alle loro caratteristiche questi vasi consentono di sostituire l'utilizzo delle pentole nelle fasi di cottura.
Permettono, infatti, vari tipi di cottura: bagnomaria, bagnomaria in olio, a vapore, forno a vapore e microonde.
Notevole risparmio di tempo nella cottura poichè i cibi si possono preparare, cuocere, e servire al momento.
Conservabilità in tre facili gesti: preparazione, sottovuoto e cottura gli alimenti mantengono il loro gusto e possono essere conservati a temperatura ambiente o in frigo a 4/5°C. WECK è l'accessorio per la tavola per stuzzichini, finger food, salse, intingoli o ancora piatto da portata per quanti intendono cimentarsi con la vasocottura anche tra le mura domestiche.
Facile, divertente e di sicuro effetto.

WK 080-2 - VASETTO PICCOLO 80ML IN CONF. DA 12 PZ
WK 741-2 - VASETTO 370 ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 742-2 - VASETTO 580ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 743-2 - VASETTO 850ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 744-2 - VASETTO TONDO 580ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 745-2 - VASETTO TONDO 1062ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 751-2 - VASETTO 200ML IN CONF. DA 12 PZ
WK 760-2 - VASETTO PICCOLO 160ML IN CONF. DA 12 PZ
WK 761-2 - VASETTO PICCOLO 140ML IN CONF. DA 12 PZ
WK 762-2 - VASETTO PICCOLO TONDO 220ML IN CONF. DA 12 PZ
WK 900-2 - VASETTO ALTO 290ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 763-2 - BOTTIGLIA 290ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 764-2- BOTTIGLIA 530ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 766-2 - BOTTIGLIA 1062ML IN CONF. DA 6 PZ
WK 8054114 - SACCHETTO 10 GUARNIZIONI 54X67 RR60


WK 8074112 - SACCHETTO 10 GUARNIZIONE 74X84 RR80
WK 8094102 - SACCHETTO 10 GUARNIZIONE 94X108 RR100

WK 9080812 - SACCHETTO 100 ETICHETTE
WK 9090217 - PINZA SOLLEVA VASETTO
WK 9090316 - IMBUTO PER CONSERVE
WK 9090415 - SACCHETTO 5 COPERCHI PLASTICA RR100
WK 9090431 - SACCHETTO 5 COPERCHI PLASTICA RR60
WK 9090464 - SACCHETTO 5 COPERCHI PLASTICA RR80
WK 9090555 - SACCHETTO 12 GANCETTI

Ogni vaso è completo di 1 guarnizione in caucciù, 1 coperchio in vetro e 2 clips di chiusura.

MOLTO IMPORTANTE COTTURE IN FORNO:
Se utilizzerete i vasetti nel Forno è molto importante fare attenzione allo Shock termico
I vasetti supportono la temperatura di 240°, le Guarnizioni 120°
Se utilizzate una teglia in acciaio, appoggiare i vasetti sulla teglia fuori dal Forno, poi si possono inserire nel Forno.
Quando estrarrete i vasetti insieme alla teglia, lasciar raffreddare il vasetto sulla teglia senza spostarlo, se lo appoggiate fatelo su un canovaccio.
Se utilizzate la Teglia in alluminio, mettere sotto il vasetto a contatto con la teglia della carta forno o foglio al silicone
Se non seguirete questa importanti suggerimenti, lo shock termico vi può far rompere il fondo del vasetto


CONSERVAZIONE DEI CIBI
Prima di iniziare a lavorare, esaminare tutti i vasi e i coperchi per accertarsi che non vi siano rotture. Qualora il bordo di tenuta di un vaso o coperchio fosse scheggiato o danneggiato, scartarlo, in quanto non permette una chiusura ermetica.

La pulizia è della massima importanza.
Lavare i barattoli in acqua calda e sapone, poi sciacquare in acqua calda.

Se si è formato un pò di muffa nei vasetti utilizzati precedentemente (perché sono stati immagazzinati in una cantina umida), immergere i barattoli in acqua bollente per dieci minuti.

Muffe e funghi non vengono uccisi a temperature inferiori a 212 ° F, quindi la temperatura di una lavastoviglie (circa 140 ° F) non è sufficientemente alta.

Esaminare con attenzione gli anelli di gomma prima della lavorazione.

Eventuali crepe possono essere individuate tenendo l'anello di gomma tra il pollice e l'indice di entrambe le mani e tirando leggermente.

Una tenuta sicura può essere raggiunta solo tramite anelli di gomma perfetti.

Immergere gli anelli di gomma in acqua bollente per 2-3 minuti. Lasciarli in acqua calda fino a quando non si ritiene che siano pronti.

Durante il riempimento cibi caldi (ad esempio, marmellata calda) nei vasi, posizionare i vasi su un asciugamano o un tagliere in legno per impedire che i vasi si rompano per il calore.

Dopo aver riempito i vasetti, pulire accuratamente il bordo vaso e richiuderli ermeticamente.



STERILIZZATORE WECK 35 W
Sterilizzatore Smaltato per realizzare in autonomia ed in sicurezza marmellate, confetture, conserve ed estrarre succhi. L'estate è il momento di fare scorta di frutta e preparare deliziose marmellate!
Lo Sterilizzatore Weck arriva a 100°C, più che sufficienti per eliminare le tossine (tra cui il botulino) e tutti i microbi, che già muoiono a partire da 80 °C.

Vi basterà regolare il termostato e controllare il tempo. Non dovrete in questo modo preoccuparvi di sobbollori, barattoli che emergono e tutti i problemi correlati alla sterilizzazione casalinga.

Ma non dimentichiamoci un'operazione importantissima! La sterilizzazione dei vasetti!

Weck 35 Wat è uno sterilizzatore che ti permetterà di pulire e sterilizzare i vasetti di marmellata o di conserva (prima di inserire il prodotto all'interno).

Non avrai più bisogno di pentole per sterilizzare i tuoi vasetti, ed essendo il contenitore molto capiente potrai inserire molti più vasetti (anche uno sopra all'altro), risparmiando tempo ed avendo la garanzia di poter avere un prodotto igienizzato al 100%, pronto per accogliere la conserva o la marmellata.

Dati tecnici Estrattore
Modello: WAT14
Produttore: Weck
Provenienza: Made in Germany
Capacità: 29 litri
Dimensioni macchina: 39 x 39 x 42cm
Peso macchina: 15 kg
Tensione / Voltaggio: 230 V - 50 Hz
Potenza Alimentazione: 230 V, 2000 W
Peso con cartone: 15,5 kg
Dimensioni imballo: 41 x 41 x 44 cm
EAN: 871712700050
Garanzia: 1 anno

Nella confezione troverai:
Sterilizzatore
griglia in plastica
coperchio nero
presa

Libretto di istruzioni in italiano e tedesco
Istruzioni d'uso per bollire e sterilizzare nel rispetto dell'ordine delle singole fasi di lavoro
Garanzia Periodo di garanzia dalla ditta: 1 anno - vedi foglio presente all'interno della confezione.

Dati tecnici Estrattore:
Modello: WSG 20 K
Codice EAN: 8717127000609
Dimensioni macchina: 40 x 40 x 30cm
Peso macchina: 12 kg
Peso con cartone: 12,5 kg
Dimensioni imballo: 42 x 42 x 32cm

ISTRUZIONI STERILIZZATORE
1. Posizionamento

Potete posizionare il dispositivo su qualsiasi superficie piana, p.e. sul pavimento, su uno sgabello, sul tavolo (tranne su una piastra calda
perché i piedini in plastica si brucerebbero). Il dispositivo non necessita di un supporto poiché la base in plastica isola talmente bene che l'emissione di calore si riduce a un minimo.

2. Il posizionamento dei recipienti
Avviene su una griglia. Essa permette una buona circolazione dell'acqua di cottura sotto e fra i contenitori e in tal modo il loro rapido riscaldamento. Il diametro interno del bollitore di 353 mm e l'altezza interna di 300 mm permettono non solo il posizionamento di uno strato di contenitori all'interno del bollitore, ma anche a seconda dell'altezza dei contenitori la sovrapposizione di due o addirittura tre strati per bollirli e sterilizzarli in un unico processo di cottura a risparmio energetico.

3. Livello dell'acqua
Molto importante: Il numero degli strati di contenitori sovrapposti è decisivo.

Il bollitore deve sempre essere riempito di acqua in modo tale che lo strato superiore dei recipienti o nel caso di recipienti di altezza diversa il contenitore di maggiore altezza siano per 3/4 ricoperti d'acqua.

Non costituisce un problema se i contenitori più piccoli sono completamente sommersi di acqua dato che i contenitori durante il processo di cottura sono impermeabilizzati con coperchio ermetico in tensione e gancio in modo tale che l'acqua di cottura non possa infiltrarsi dall'esterno. Il corretto livello dell'acqua si vede nell'immagine.

La temperatura dell'acqua che viene inserita per il riempimento del bollitore deve inoltre corrispondere approssimativamente alla temperatura del contenuto del recipiente in modo tale che il riscaldamento avvenga in modo uniforme. Aggiungete ai recipienti con contenuto freddo dell'acqua fredda e ai recipienti con contenuto caldo (p.e. quando il prodotto da cuocere è stato precotto) analogamente dell'acqua calda.

4. Mettete il coperchio sul bollitore
Il coperchio del dispositivo in plastica idonea al contatto con alimenti e resistente alla cottura è convesso. Non costituisce un problema se i recipienti alti entrano nella bombatura del coperchio finché esso poggia ancora bene sul bordo in acciaio inox del contenitore e non fuoriesce del vapore. Osservate proprio in questo caso il punto 3 e riempite il bollitore con sufficientemente acqua fino al raggiungimento di 3/4 dell'altezza del contenitore di maggiore altezza.

5. Inserite la spina
..e il dispositivo si accende (attenzione: la spina non deve essere bagnata!)

Importante: Non inserire mai la spina prima di aver riempito il bollitore di acqua dato che un riscaldamento a secco può causare danni al dispositivo (uso errato). Al primo riscaldamento di un dispositivo nuovo si può generare un odore insignificante nella base elettrica che sparirà dopo un breve funzionamento.

6. Molto importante:
Quando inizia il tempo di cottura? Come funziona il termostato automatico?

Versione bollitore per conserve semiautomatico (senza timer)
Impostate con la manopola per la gestione del termostato la temperatura indicata nella ricetta di cottura. Ora il termostato avvia la procedura di riscaldamento, il che viene indicato dall'accensione della spia di controllo.
Non appena il termostato ha raggiunto la temperatura impostata viene automaticamente interrotto il riscaldamento del dispositivo e la spia di controllo si spegne per la prima volta.
Sin dal momento del primo spegnimento della spia di controllo inizia il tempo di cottura indicato nella ricetta perché il lasso di tempo necessario per il surriscaldamento non viene considerato!
Il termostato mantiene ora la temperatura impostata facendo ripartire in automatico il riscaldamento ogni qualvolta che la temperatura si abbassa leggermente. Esso viene indicato tramite accensione della spia di controllo. La ripetuta alternanza fra l'accensione e lo spegnimento della spia di controllo durante il processo di cottura indica quindi che il termostato lavora e mantiene la temperatura all'altezza preimpostata.

Versione bollitore per conserve automatico (con timer)

Il funzionamento è in linea di massima analogo a quello descritto sopra, con la differenza che sarete voi a impostare la temperatura e il tempo. Il timer parte solo nel momento in cui la temperatura impostata viene raggiunta (quindi il tempo di surriscaldamento non viene preso in considerazione). Siccome si tratta di un funzionamento automatico, la spia di controllo rimane accesa finché il tempo non è scaduto.

7. Regolazione della temperatura di cottura centrifuga
La manopola permette la regolazione continua della temperatura di cottura. La scala di misura del dispositivo ha una graduazione da 30°C fino a 90°C. Invece di un punto fisso per i 100°C viene visualizzata un'ampia marcatura nell'area "cottura". Alla fine della scala si trova l'ulteriore livello "Centrifugare". Quest'impostazione, nella quale l'acqua è ininterrottamente in ebollizione e sviluppa perciò un'intensa formazione di vapore, serve solo quando si utilizza il bollitore automatico insieme all'accessorio-centrifuga WECK per la preparazione di succhi.

Per bollire e sterilizzare per esempio verdura e carne a 100°C ossia a una temperatura di cottura elevata è consigliabile evitare un'ebollizione dell'acqua con formazione di bollicine e un intenso sviluppo di vapore. Questo comporterebbe fra altro un'eccessiva evaporazione dell'acqua di cottura e di conseguenza un maggiore consumo di energia.

La cosiddetta temperatura di ebollizione dell'acqua (ovvero la temperatura esatta al raggiungimento della quale l'acqua di cottura inizia a fare le bollicine) dipende dall'altezza del luogo di residenza e dal tempo ossia dalla pressione atmosferica. Potete facilmente individuare l'impostazione giusta del il punto di ebollizione nel modo seguente:
ruotare il regolatore in senso orario verso destra fino al segno "bollire".

attendere il punto d'ebollizione dell'acqua.
ruotare ora il regolatore lentamente verso sinistra finché non si sente la commutazione del regolatore.
In questa programmazione del termostato il riscaldamento si accende e si spegne automaticamente. Questo significa che il termostato mantiene la temperatura di cottura desiderata, ma senza una continua ebollizione dell'acqua con formazione di bollicine e senza uno sviluppo intenso di vapore. Questi ultimi requisiti servono esclusivamente per la centrifuga con l'accessorio-centrifuga, ma non per bollire e sterilizzare verdura e carne a 100°C.

8. Modifica della temperatura
Essa è possibile anche a posteriori e in un qualsiasi momento durante la fase di riscaldamento / processo di cottura, se doveste aver impostato inizialmente una temperatura errata. Muovete la manopola avanti e indietro finché non si ottiene il valore desiderato. Il dispositivo apporta in seguito la modifica in automatico e la spia di controllo si accende o si spegne analogamente.

9. Fine del ciclo operativo
Prima di prelevare i contenitori staccare la spina dell'apparecchio. Utilizzate il sollevatore di barattoli per conserve Weck per l'estrazione dei contenitori! Con esso potete facilmente estrarre i contenitori bollenti dal bollitore senza ustionarvi le mani, anche quando sono posizionati estremamente vicini fra di loro e immersi in acqua. L'acquisto del sollevatore di barattoli per conserve si fa una sola volta! Vi serve urgentemente e potete acquistarlo nel commercio specializzato.

10. Svuotamento dell'acqua di cottura
Svuotate l'acqua del bollitore sempre solo in seguito al raffreddamento dell'acqua. In questo modo proteggete la superficie del bollitore che è poco resistente al calore secco.

È tuttavia consigliabile togliere i barattoli alla fine del tempo di cottura dal bollitore perché l'acqua di cottura si raffredda solo lentamente e di conseguenza il processo di lessatura si protrarrebbe.

11. Pulizia del bollitore
Attenzione: non immergete mai l'intero apparecchio in acqua! La sua base in plastica contiene l'installazione elettrica che non deve bagnarsi.

Pulitelo, quando la spina è staccata, con un panno umido all'esterno e sciacquate l'interno. Non utilizzate abrasivi per non graffiare la superficie!

In caso di acqua calcarea si deposita gradualmente uno strato di calcare nella caldaia e in particolare sul fondo del bollitore.

Tale strato può compromettere la potenza di riscaldamento ossia il controllo della temperatura. Lo strato calcareo depositato può facilmente essere rimosso aggiungendo all'acqua di pulizia un po' di aceto o un anticalcare commerciale e portando questa soluzione brevemente a ebollizione. In seguito, sciacquate scrupolosamente il bollitore.

Non utilizzate mai dei prodotti chimici per la pulizia in quanto possono costituire un rischio per la salute. Rimangono sempre dei residui dei prodotti chimici che possono entrare nei vostri prodotti alimentari in un secondo momento.



Approfondimenti