Seguici su Facebook

Prodotti : complementi : Funzionalismo Jean, tavolo allungabile Design Eileen Gray

Eileen Gray - Brownswood, 1878 - Paris, 1976

JEAN - Tavolo allungabile con struttura in acciaio e piano in laminatoJean è un tavolo pieghevole con struttura in tubolare d'acciaio cromato e piano in laminato melaminico bianco con bordo in massello di faggio. Jean, che prende il nome da un amico intimo di Eileen Gray, l'architetto Jean Badovici, era presente in diversi esemplari nella loro villa estiva E 1027. "Ogni camera ha a disposizione uno di questi tavoli", scrisse Eileen Gray, "e allo stesso tempo può servire come scrivania. Per sostare si dispiegano i due pezzi e quanto segue è un piccolo tavolo da pranzo, leggero ma assolutamente stabile." Che dire di più.

Dimensioni
-Rettangolare: cm 64 (allungabile a 128) x 70 x h.72
Finitura Piano
- laminato nero
- laminato bianco
Finitura Struttura
- tubo in acciaio cromato

Eileen Gray fu tra i designer più creativi che lavoravano a Parigi tra le due guerre. Durante la fine degli anni ’20 e ’30 produce molte sedie Funzionaliste. Spesso in prototipi fatti artigianalmente. I suoi design di maggior successo includono: una sedia da bagno completamente imbottita con base di metallo tubolare cromato, creata per la prima volta per la sua casa di Roquebrune, e la sedia Transat.

Eileen Gray
Eileen Gray ebbe origini scozzesi-irlandesi. Quando il padre morì nel 1900 si trovava già da due anni a Londra e frequentava corsi di disegno alla "Slade School". Scoprì il laboratorio di D. Charles, un pittore specializzato in lacche. Collaborò con lui e imparò tutto quello che serviva per il periodo della sua carriera professionale. Nel 1902 andò a Parigi dove continuò a perfezionarsi nell'arte del disegno e delle lacche orientali. Qui incontrò il giapponese Sugawara con cui perfezionò la conoscenza dell'uso della lacca.
Venne notata dal grande sarto Jacques Doucet, un intenditore e collezionista d'arte che le affidò il compito di arredargli la nuova casa. Ha realizzato per doucet due tavoli e un paravento, le uniche sue opere datate e firmate. Il primo grande lavoro fu l'arredamento di Madame Lévy (la famosa nodista Suzanne Talbot) in Rue de Lota. Nel 1922 inaugurò nell'elegante Rue Faubourg St. Honoré la galleria "Jean Désert" in cui espose e vendette i suoi mobili, paraventi e lampade. Dopo quattro anni di intensi studi, consigliata dal teorico Jean Badovici, costruì a Roquebrune, sulla costa del Mediterraneo, una casa per se stessa: vasta e pratica, con molti particolari ragionatissimi e spiritosi. Anche l'appartamento per Badovici a Parigi e la propria seconda casa a Castellar sulla riviera, testimoniano l'intelligenza e la richezza inventiva della Gray. Poco prima della sua morte ha avuto la soddisfazione di una mostra dei suoi lavori più significativi al "Musée Des Arts Decoratifs" di Parigi.