Seguici su Facebook

Prodotti : Complementi : Segis Sgabello Dragonfly regolabile in altezza H. 52/78 cm


DRAGONFLY, Sgabello regolabile in altezza H. 52/78 cm
Sgabello alto girevole in polipropilene con schienale in polipropilene (PP)

La sedia Dragonfly nasce dall'osservazione del corpo delle libellule caratterizzato da uno sbilanciamento di peso tra le gambe che sono nella parte anteriore del corpo e tutta la coda che è a sbalzo.‎ Così è nato questo gioco formale di una sedia in cantilever con le gambe innestate sul fronte della sedia e la seduta che sembra sfidare la forza di gravità.‎ Il dinamismo di questo oggetto è stato esaltato caratterizzando la parte posteriore della scocca con delle lamelle che fanno pensare al mondo dell'automotive.‎
A questa versione si è aggiunta subito dopo la declinazione dello stesso guscio su basi diverse in modo da costruire un vero e proprio sistema capace di andare incontro alle diverse esigenze di utilizzo.‎

Le varianti collezione Dragonfly
Sgabello alto in polipropilene con schienale con poggiapiedi
Sgabello alto in polipropilene a slitta con schienale
Sedia a slitta impilabile con braccioli

DATI TECNICI
Sgabello girevole
Sgabello ad altezza regolabile con pistone a gas o altezza fi ssa.
Scocca: polipropilene riciclabile rinforzato con fi bra di vetro, stampato ad iniezione.
Variante imbottita (H. seduta + 2 cm): scocca polipropilene con imbottitura frontale o con cuscino solo sul sedile.
Rivestimento: tessuto, eco-pelle o tessuto cliente preferibilmente in tinta unita.
Base: acciaio con fi nitura verniciata a polveri epossidiche o cromata. Anello in plastica sulla circonferenza
della base a protezione del pavimento.
Colonna: acciaio ad alta resistenza con fi nitura cromata o verniciata per la versione ad altezza fi ssa, e fi nitura
solo cromata per la versione con gas.

Designer
Odoardo Fioravanti
Anno Design 2013

Odo Fioravanti si è laureato in Industrial Design presso la Facoltà del Design del Politecnico di Milano. Dal 1998 si occupa di industrial design, sperimentando anche la grafica e l'exhibition design, con la ferma volontà di ricondurre le diverse discipline ad una materia continua. I suoi progetti hanno ricevuto premi prestigiosi a livello internazionale. È stato docente presso numerose scuole e università come il Politecnico di Milano, lo IUAV di Treviso, l'Università di San Marino, l'Istituto Marangoni, la Scuola Politecnica di Design, la Domus Academy, HEAD Genève. I suoi lavori hanno fatto parte di diverse esposizioni internazionali, culminate nel 2010 con una mostra personale dal titolo "Industrious Design" presso il Design Museum della Triennale di Milano. Nel 2011 ha vinto il Premio Compasso d'Oro ADI con la sedia in legno curvato Frida di Pedrali. Svolge l'attività di pubblicista per riviste del settore design cercando di esplorare le nuove frontiere del progetto come disciplina. Nel 2003 ha fondato l'Odoardo Fioravanti Design Studio che ha sviluppato progetti per diverse aziende. Tra esse Abet Laminati, Ballarini, Casamania, COOP, Desalto, Flou, Foscarini, Normann Copenhagen, Olivetti, Palomar, Pedrali, Pircher, Segis, Vibram, Victorinox Swiss Army.